mercoledì 3 gennaio 2018

"Storia della Rivoluzione russa", W.H.Chamberlin, Einaudi.

Storia della Rivoluzione russa è un libro che, come ci dice lo stesso scrittore W.H.Chamberlin nella prefazione, "è frutto di dodici anni di studi e di ricerche", principalmente nella ex Unione Sovietica.

Oggetto di studio dello scrittore è quel lasso di tempo, ricco di eventi e di implicazioni future, che parte dalla caduta del regime zarista (marzo 1917) e arriva fino all'introduzione della cosiddetta "nuova politica economica" (marzo 1921).
Il tutto, ovviamente, senza tralasciare la sanguinosa guerra civile che seguì la rivoluzione bolscevica.
La domanda che lo scrittore americano si pone e alla quale, mentre analizza tutte le tappe che hanno portato alla rivoluzione russa (per certi versi, un unicum nel pur ricco panorama di rivoluzioni che l'hanno preceduta e seguita), si sforza di rispondere, è la seguente:come fu possibile a Lenin e alla sua schiera di seguaci relativamente ristretta (da studi attendibili, si parla di circa venticinquemila bolscevichi presenti in Russia al momento della caduta del regime zarista) conquistare il potere?
E soprattutto, come siffatto potere si è potuto conservare contro l'accanita resistenza delle antiche classi dirigenti che al tempo dello zar Nicola II facevano il bello e il cattivo tempo, con l'avallo determinante (in altri contesti) dei governi degli Alleati.
Senza contare, poi, i vari nemici che, a partire dal conservatore Krasnòv, passando per Denikin-Vrangel' con il loro "Esercito volontario" e terminando con l'anarchico Machnò, hanno a più riprese e da diverse posizioni combattuto i bolscevichi.
Le risposte, dopo un'analisi approfondita, quasi scientifica delle fonti in possesso dello scrittore, sono molteplici e diverse.
Per quanto riguardo la fase della conquista del potere, tra le altre, l'autore non può esimersi dal menzionare il sistema di governo degli zar con la sua incapacità di soddisfare il bisogno di terra dei contadini e i suoi metodi repressivi; così come non può evitare di soffermarsi sulla guerra mondiale che accrebbe la miseria nelle città e nelle campagne fino a portarla a un livello insostenibile.
Per ciò che attiene invece al mantenimento del bastone del comando da parte del genio direttivo di Lenin, dell'audacia e dell'entusiasmo di Trockij, e della fredda risolutezza di Stalin, i fattori che lo hanno permesso sono diversi.
Come non citare, a questo proposito, la differenza tra i bolscevichi, uniti e compatti tra le maglie del Partito, e le divisioni sempre presenti nei suoi avversari?

Ad esempio il già citato Machnò combattè Denikin e Vrangel', che teoricamente volevano tutti liberare la popolazione dal potere rosso, anche più accanitamente di quanto si scagliò contro i comunisti.
La verità, a conti fatti, è che tra i conservatori e i contadini anarchici non ci poteva essere alcuna collaborazione: troppo diversi per ceto e per aspirazioni sociali.
I bolscevichi, poi, possedevano un'invidiabile posizione (geografica) centrale.
I capi bianchi, invece, succedutisi volta per volta, erano divisi l'un l'altro da grandi estensioni di terra e di mare, nell'impossibilità, quindi, di coordinare le loro azioni.
Inoltre la stragrande maggioranza di armi e munizioni accumulate durante la prima guerra mondiale si trovava depositata in territorio bolscevico, costituendo, quindi, un indubbio vantaggio per i rossi.
Infine i socialisti rivoluzionari, probabilmente l'unica alternativa possibile ai bolscevichi, da un lato si dimostrarono più volte incapaci di imporsi in maniera unitaria e concreta, dall'altra, come i girondini della rivoluzione francese, non riuscirono mai a venir fuori da una posizione di ambiguità sostanziale: troppo a sinistra per la borghesia, troppo a destra per gli operai che stavano acquistando una coscienza di classe. Senza contare, poi, l'errore imperdonabile dei socialisti rivoluzionari di fondare il loro consenso sui contadini russi: su una classe sociale, cioè, ancora troppo acerba e ignorante per essere determinante nella presa del potere.
Ovviamente, sia pure di notevole importanza, questi fattori presi singolarmente, spiegano ben poco.
Solo mettendoli tutti assieme, coordinandoli, si riesce a capirne il ruolo dirimente nella genesi e negli sviluppi del periodo storico preso in esame da W.H.Chamberlin. A patto, ovviamente, di non dimenticare l'elemento cardine senza il quale nessuna rivoluzione, massimamente quella russa con la spietata oppressione dello zar, sarebbe mai potuta scoppiare: l'anelito di giustizia per troppo tempo ignorato e per tanti decenni vilipeso dalla classe dominante.


lunedì 18 dicembre 2017

Michele Gentile, il rito, la lotta e le notizie dal fronte.

Il primo incontro con Michele Gentile l'ho avuto per il tramite di un giornale, circa tre anni fa

Come a volte succede, una quotidianità sempre presa da mille cose molto spesso meno entusiasmanti degli incontri rimandati, trova finalmente il tempo di un messaggio su facebook.
"Vieni, ti aspetto."
La mia borghese incomprensione verso le scelte estreme, mi attarda a chiedere di orari, di disponibilità.
"Passa quando vuoi. Ci sono sempre."
Finita l'udienza a Eboli, mi metto in autostrada, direzione Polla.
Poche centinaia di metri ed eccomi davanti alla libreria Ex Libris Cafè di Michele Gentile.
Oltrepasso la soglia. L'aria pungente di metà dicembre si riempie di storie che raccontano vite.
È un luogo d'elezione questo, di quelli che volutamente rifuggono dalle fascette ammiccanti dell'ultima edizione dello scrittore in auge.
Qui, in questa libreria, Michele Gentile è il sacro officiante di un rito, la vestale che dedica la vita al fuoco sacro della Cultura.
Come ogni liturgia che si rispetti, ci sono dei passaggi, delle tappe che avvicinano al trascendente.
<Grazie.> - mi dice appena mi vede entrare e da una parete che a fatica conquista la sua indipendenza da orde indomite di libri, sgattaiola fuori, come un alambicco dalla grotta di Merlino, l'armamentario da bar.
<Sai com'è, - confessa mentre mi prepara un ottimo caffè - i miei avevano un bar...>
Il tempo si è fermato. Il tavolo di legno, scaffali pieni di volumi che difficilmente troveresti nello store sotto casa, giornali e riviste per dare notizia del mondo e dal mondo.
A guardare bene, nel cono d'ombra di un angolo buttato lì, potresti addirittura seguire il rivolo di fumo della pipa di Ungaretti o perderti nei grovigli medievali della barba di Umberto Eco.
Sarebbe la stessa cosa.
<Eppure, - e l'occhio diafano come una barca inghiottita dalle nebbie del mattino - tutto questo non basta.>

Solo adesso vedo quello che l'avvolgente atmosfera della Ex libris Cafè m'aveva in un primo momento impedito di vedere: Michele Gentile indossa, quasi a disagio sulla giacca dell'accoglienza più piena, un giubbetto militare.
Il 60% degli italiani non acquista libri.
Il 10% degli abitanti del Bel Paese non ha nemmeno un libro in casa.
La guerra è di quelle senza quartiere, disperate.
Le truppe messe in campo dal libraio invitto sono le più agguerrite:
"Un libro sospeso", per consentire soprattutto ai lettori forti, sulla falsariga di quello che accade a Napoli per il caffè, di comprare due libri, uno per sé e uno da offrire a chi non ha la possibilità di acquistarlo o a chi non è stato educato al fascino della lettura.
Michele mi mostra gli attestati di ringraziamento delle carceri minorili, delle biblioteche scolastiche e degli ospedali destinatari dei volumi donati.
Poi ci sono i "Viaggi d'autore" in cui, grazie all'indispensabile collaborazione con le Autolinee Curcio, gli scrittori (nelle edizioni scorse si sono alternati grandi nomi come Pino Aprile, Diego De Silva, Antonello Caporale, Pino Imperatore, etc.) incontrano i lettori proprio sui bus della Curcio.
Infine, ecco l'arma segreta di Michele Gentile: "Non rifiutiamoci", un'iniziativa per mezzo della quale in cambio di una certa quantità di ferro, rame, alluminio e ottone da portare in libreria, si ha il corrispettivo in libri, anche scolastici.
Lo guardo come un libraio ormai famoso per le sue iniziative. Lui lo conosce quello sguardo e implicitamente mi prega di liberarmene. Ne farebbe volentieri a meno.
Con un sorriso stanco di tante pacche sulle spalle e incoraggiamenti di facciata, Michele Gentile scuote la testa leonina:<Eppure, tutto questo non basta per diffondere la lettura.>
Fuori dal microcosmo della Ex Libris Cafè continuano a piovere giacche "dell'appuntamento allo studio", smartphone imbellettati per il prossimo natale.
Io torno in macchina con La danza immobile di Manuel Scorza che trovato qui, costipato tra altri cento volumi, ha il fascino dell'eterno.
Ciao, Michele. Resisti.

mercoledì 6 dicembre 2017

"Gialli d'estate", a cura di Marcello Fois, Einaudi.

“Gialli d’estate” è una di quelle raccolte in cui è abbastanza agevole distinguere il buon grano dal loglio.

 

L’incipit contenuto ne la nota dell’editore è di quelle accattivanti, che creano suspence: la stagione migliore per compiere un delitto sembra essere l’estate.
A dimostrazione di questa premessa, ecco dipanarsi davanti agli occhi del lettore di genere o semplicemente di quello che confida nelle fibrillazioni del “giallo” per dare verve alla quotidianità, undici storie di giallisti “griffati” più o meno riuscite.


Il viaggio letterario inizia dai primi giorni dell’estate per terminare alle soglie dell’autunno.

image: https://beacon-eu2.rubiconproject.com/beacon/d/2fd881d1-c34f-4ba0-9bf2-c8b4e9d0d33e?accountId=12302&siteId=96350&zoneId=452354&e=6A1E40E384DA563BAEDE1029323F975794950C9050DFE6282052937611B206690968EC618D93AD0E3B2E606BAE8AE43852816BD28DE8FD49614E5852E7A5F0A60FF305AD871A04324DFB4D4AAE5776FB172CD28438FCBB6AA539D0BB5A2C3B3068634809AE890FA8DDC1C413F7C74DB8F1096359EBE3D396348403E2D9EC8A2654267F605AE293E3ADD84CD4C36B4A0ECDA10306204D320B
L’incipit contenuto ne la nota dell’editore è di quelle accattivanti, che creano suspence: la stagione migliore per compiere un delitto sembra essere l’estate.A dimostrazione di questa premessa, ecco dipanarsi davanti agli occhi del lettore di genere o semplicemente di quello che confida nelle fibrillazioni del “giallo” per dare verve alla quotidianità, undici storie di giallisti “griffati” più o meno riuscite.Il viaggio letterario inizia dai primi giorni dell’estate per terminare alle soglie dell’autunno.

Si parte con Il Sette di cuori di Maurice Leblanc, il creatore del famigerato Arsène Lupin. Il protagonista del giallo rincasa dopo una notte passata con amici al ristorante Cascade, tra maliconici valzer dell’orchestra tzigana e racconti di furti e crimini.
Una lettera che gli ingiunge di non muoversi, di non gridare qualsiasi cosa succeda, lo paralizza.
Quando ormai la quiete è ristabilita e il far del giorno incute la forza per “liberarsi” finalmente, l’ordine nella casa impera. Tutto è come dovrebbe essere, eccezion fatta per un sette di cuori sul pavimento.

Ne L’avventura dell’angelo caduto di Ellery Queen, proprio la scrittrice protagonista del giallo riesce a svelare cosa si celi dietro un alibi troppo perfetto per essere credibile fino in fondo.
Al centro della scena, una casa eccessivamente manierata; di quelle, per intenderci, che possono costare mesi e mesi di psicanalisi per liberarsi dagli “orribili sogni gotici”.

Il picnic del 4 luglio di Rex Stout allieta il lettore con la svogliata ma sempre feconda capacità d’indagine di Nero Wolfe che anche stavolta, nonostante l’arma impropria utilizzata (un coltello per l’arrosto) per l’omicidio, scoverà l’assassino.
Nella raccolta c’è anche spazio per un giallo attuale, con i suoi pc e l’immancabile cellulare: quello del curatore del libro, Marcello Fois, che in Dove? ci presenta il commissario Curreli alle prese con un indagine troppo ricca di coincidenze per giungere al suo approdo consequenziale.
E’ nelle segrete dell’ovvio che si cela l’inganno.
Il problema dela rosa rossa di Jacques Futrelle è uno di quei gialli che si prodiga alla ricerca di un metodo nell’apparente follia: 12 rose rosse inviate alla signorina Burdock, di lunedì, mercoledì e sabato.
Solo la dodicesima è quella fatale per la destinataria e per il suo cane. Perchè?

Poteva mancare, in una raccolta di gialli, il buon vecchio Edgar Allan Poe? Certo che no, e qui ne Il Mistero di Marie Roget è presente con tutta la criticità del suo metodo induttivo e il suo rigore logico-scientifico.

Ne Il vecchietto delle Batignolles di Emile Gaboriau, la domanda che si rivolge al lettore è sconcertante nell’ovvietà della (presunta) risposta:”Si può immaginare che un assassino sia tanto stupido da denunciarsi tracciando il proprio nome di fianco al corpo delle vittima?”

La regina del giallo Agatha Christie appare in un’estate ormai inoltrata con il suo Nido di Vespe: un’indagine perfetta, di quelle che non abbisognano di spargimento di sangue per svelare al fine Hercule Poirot autore e movente del delitto.

E’ la volta di Chaterine L. Pirkis che ne Il fantasma di Fountaine Lane si deve destreggiare tra un fantasma apparso al capezzale di una bambina e la sparizione di un assegno in bianco: dov’è il nesso?
Presente Agatha, non poteva mancare (Elementare!) sir Arthur Conan Doyle.
Il giallo (“statico”) che qui ci viene presentato è L’avventura di una scatola di cartone in cui all’arguto Sherlock basta, per l’appunto, la disamina di una scatola per “farsi un’idea” di come siano andate le cose.
Chapeau, mister Holmes!

L’enigma “testuale” ritorna con Salute e libertà di Fred Vargas in cui cui al commissario Adamsberg e al suo fido Danglard è affidato un compito: decodificare i “pizzini” che arrivano in ufficio con cadenza più o meno regolare, tutti firmati “Salute e libertà.”
E il senso del buon “Vasco De Gama” che continua a stazionare imperterrito di fronte al commissariato?

Undici gialli, gialli “come il sole di Ferragosto.”
“Perchè il crimine non conosce vacanza.”

martedì 21 novembre 2017

Il prof Matteo Saudino e l'astuzia della Filosofia.





Dal malchiuso portone del web che tutto collega e tutto immilla, però, eccole apparire le trombe d’oro della Filosofia: è bastato, a me imbranato navigatore degno epigono del sonnolento Palinuro, digitare “il travaglio del negativo” su google, per colare a picco nella favella ammaliatrice del prof Matteo Saudino.

“Uh mamma mia, è chi è mai ‘sto tizio che è ‘na stampa e ‘na figura al Marx de Il Manifesto?”
Io che per natura prima ancora che per formazione (classica) diffido di qualsiasi insegnamento che non venga veicolato dai caratteri di stampa, stavolta mi ritrovo la vista e l’udito avvinghiati, con la stessa tenacia del sopruso sul capitale, attorno al canale youtube del prof Saudino. La filosofia, anche quella dei concetti appesi ad asciugare al sole che basta un venticello per farne dimenticanza, finalmente acquisisce una discorsività triadica (causa-effetto-comprensione tetragona ai colpi di ventura).
 
Il prof Saudino è quello che si definisce un personaggio. Come avete potuto desumere dall’accostamento a Marx, è un uomo folto di peli ispidi e lunghi: per intenderci, capelli brizzolati (ma di quel nero-grigio che fa speculazione), arruffati alla stregua dei riccioli di Talete attraverso cui il filosofo presocratico guardava le stelle; barba scompaginata che si ribella al rasoio sparagnino di Occam per inseguire il calcolo infinitesimale, il solo capace di spiegare i paradossi di Zenone.
Dal primo piano raccolto da una telecamera, con gli occhi vispi del compagno di banco che aspetta la distrazione del professore per passarti la versione, ti coinvolge con la sua eloquenza affabile e ricca di contenuti. Si parla naturalmente di filosofia, ma con quello stoicismo capace di sacrificare tutte le sue magliette e i suoi maglioni sui generis (sul petto del prof Saudino, infatti, si alternano Hulk, il Golem, Bart Simpson, il teschio con le due sciabole incrociate a mo’ di tibie con il motto “la libertà è sempre un buon bottino”, etc.) per un grammo in più di comprensione dei suoi allievi.
La mia preparazione filosofica scucita dagli strappi dei “ragazzi, se volete seguire la lezione, bene; in caso contrario, fate quello che volete”, irrigidita dalla sempiterna cravatta blu regimental del prof di filosofia del liceo e ancora, immalinconita dalle sue guance lisce come il popò del neonato, ha trovato la sua rivalsa proprio grazie alle lezioni del prof Matteo Saudino.
 
Basta poco: mi scrollo dal groppone una ventina d’anni e più, mi siedo in un buon banco, mai il primo (per principio ma anche perchè, malgrado sia affascinato dai suoi insegnamenti, caro prof, c’è sempre l’occhio da buttare dietro il collo apollineo della bella della classe…ma lei, con quell’aria malandrina mi capisce, lo so), e provo a orientarmi nell’immaginifico mondo dela filosofia grazie alle sue dritte.
Il mio incontro con il prof Saudino non avrebbe dovuto esserci. Quando poi la sua voce irradiata dal bluethooth della mia auto ferma nel traffico ha fatto da amo per una ragazza di studi classici ardenti desiderosa di rinverdire la sua Nottola di Minerva (astuta filosofia!), ebbene, mi sono sorpreso a sorridere:”Benedetto il giorno che ti ho incontrato – ho istintivamente detto tra me e me – eccellente, ruffiano professore!”

lunedì 25 settembre 2017

Recensione di "Doppio sogno", di Arthur Schnitzler.

"Doppio sogno" è il racconto lungo di A. Schnitzler che ha affascinato e intimorito Sigmund Freud.

Il fondatore della psicoanalisi Sigmund Freud ha esitato a lungo prima di decidersi a incontrare Arthur Schnitzler perché, con il suo "Doppio sogno", lo scrittore austriaco ha portato alla ribalta un inconscio "da lettino psichiatrico" così congeniale a quello da lui vivisezionato per tutta una vita.
Si parte da un ballo in maschera a cui i due protagonisti dell'opera, il dottor Fridolin e sua moglie Albertine, hanno partecipato negli ultimi rantoli di un carnevale che sta lasciando il posto alla primavera.
Si finisce con l'apparizione di un'altra maschera che Albertine, in assenza del marito, ha posto tra sé e il cuscino, quasi a voler simboleggiare il volto del compagno "divenutole enigmatico" per un portato di esperienze a cui lei capisce di essere estranea.

E sì perché "Doppio sogno" è il racconto di un'altra vita, probabilmente del tutto diversa da quella che si trovano a vivere i due protagonisti, se solo avessero deciso, in quel tempo e in quel luogo, di recitare la parte che una persona incontrata per caso, un evento apparentemente innocuo, gli hanno offerto.
Così Fridolin e Albertine iniziano a raccontarsi quello che avrebbe potuto essere e non è stato, lasciando a un certo punto spiazzato il lettore: quegli embrioni di opportunità, quella spes vitae, è uno dei tanti sogni che si stanno confidando o, piuttosto, si tratta di esperienze reali? Ma, soprattutto, dov'è il limite, il confine tra la realtà onirica e le occasioni di cambiamento che si sono lasciate cadere?
Anche la conturbante dama che Fridolin incontra in uno scenario di cospirazione e mistero potrebbe essere la signora che adesso giace nella camera mortuaria ma anche no. Di una sola cosa è sicuro: questa donna qui all'obitorio, ma anche quell'altra "che aveva cercato, desiderato e forse amato per un'ora", non può rappresentare nient'altro che il "cadavere pallido della notte passata, destinato irrevocabilmente alla decomposizione".
Poco male, però. In "Doppio sogno" c'è il tradimento (solo onirico?) della moglie che confessa al marito di aver riso nel momento in cui Fridolin, per professare la sua fedeltà a Albertine, viene crocifisso. Ora lo stesso Fridolin ha il sacrosanto diritto di vendicarsi, indipendentemente se con un altro sogno in cui appare la donna bella della cospirazione oppure attraverso un'esperienza concreta.
Eppure Fridolin torna, di notte, da Albertine che, innocente come ogni donna suo malgrado custode del peccato originale, attira il marito verso di sé dopo che questi le ha raccontato tutto.
"Ma ora ci siamo svegliati..." disse "per lungo tempo."
Fridolin vorrebbe controbattere con  il più rassicurante "per sempre" ma subito la moglie, intuito il suo volere, lo ferma e sussurra come fra sé:" Non si può ipotecare il futuro".
Frattanto, nella stanza da letto di "Doppio sogno", irrompe la quotidianità appena svegliatasi dal sogno.

giovedì 31 agosto 2017

Rifondazione e il No alle Centrali a Biomasse

Il partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea, Circolo "G. Puletti" di Baronissi, proprio non ci sta.

Diversamente da tutte le altre forze politiche cittadine e

non, sin dal primo momento ha assunto una posizione ferma e decisa: l'ipotesi di costruire, nell'area PIP di Sava di Baronissi, due centrali a biomassa, non è per nulla perseguibile. E questo per una serie di ragioni, alcune delle quali sono:
  1. l'indiscutibile danno alla salute e all'ambiente che tali centrali arrecherebbero, massimamente in un territorio già compromesso dalla presenza delle Fonderie Pisano e dalle vecchie fonderie a fondo Pagano ancora da bonificare;
  2. dalla compresenza, in un fazzoletto di territorio, degli impianti dell'università di Fisciano e dell'Ikea;
  3. da una situazione relativa al traffico veicolare (non solo l'autostrada Salerno-Avellino) a dir poco critica.
Il partito della Rifondazione Comunista denuncia senza mezzi termini l'intento speculatorio che si celerebbe dietro la costruzione di predette due centrali, secondo il vecchio ma sempre collaudato schema per cui i profitti verrebbero spartiti tra i due imprenditori a capo della cordata, mentre i costi (sociali, ambientali) graverebbero sull'intera collettività.
Eppure Rifondazione non si è fermata alla denuncia. Ha presentato all'Amministrazione comunale a alla cittadinanza tutta relazioni scientifiche, tra le altre,  dell'ISDE (medici per l'ambiente - sezione italiana- nucleo provinciale di Salerno) che sposano appieno le sue preoccupazioni espresse in merito.

Ma vi è di più: Rifondazione si è fatta portavoce di una serie di proposte di modifica dei regolamenti urbanistici per contrastare in futuro ulteriori intenti speculativi e dannosi per la collettività.
Per pubblicizzare il suo netto No alla costruzione di queste due centrali a Biomasse, il partito ha organizzato sit-in e convegni in piazza della Rinascita a Baronissi, conferenze stampa, raccolte di firme per chiedere la convocazione di una Conferenza di Servizi con Asl, Arpac, Provincia e Comune.
Ad oggi, oltre mille cittadini hanno sottoscritto la petizione.
Rifondazione concluderà tale campagna di raccolta firme il 10 settembre p.v. con un "firma-day" a cui tutta popolazione di Baronissi è invitata a partecipare.
Il giorno dopo, l'11 settembre, il partito della Rifondazione Comunista con un corteo gioioso, ironico e colorato, consegnerà ufficialmente al comune di Baronissi le firme raccolte in sostegno della petizione lanciata contro le centrali a biomasse redatta ai sensi degli artt. 70,73 e 74 dello Statuto Comunale.
Per sensibilizzare ancora di più la popolazione, Rifondazione ha lanciato in queste ore anche una petizione on-line tramite la piattaforma Change. org dal titolo "No Biomasse Baronissi".
"Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro."

Adda venì (o adda turnà) baffone!

"Adda venì baffone!"

Così, con un sentimento misto tra speranza e vendetta, si augurava il popolo napoletano durante l'occupazione nazista quando pure il sangue di San Gennaro sembrava liquefarsi a forma di croce uncinata.
Nel caso specifico, 'o baffone invocato era Iosif Stalin, non propriamente uno stinco di santo. Tanto è vero che probabilmente, se davvero ce l'avesse fatta a lasciare il Palazzo d'Inverno per Napoli, avrebbe costretto il popolo occupato a rivolgersi altrove per la sua liberazione.
Certo, parafrasando Ignazio Silone, la libertà bisognerebbe prendersela da sé, ognuno la porzione che può; senza aspettarla dagli altri, quindi, ma noi campani (ahinoi!) abbiamo ben poca dimestichezza in materia.
Ma torniamo a noi.
Se a volte qualche decerebrato brama ancora il ritorno di Mussolini nonostante abbia subito le conseguenze nefaste del suo regime, immaginiamoci come ancora di più si possa desiderare l'avvento di un dittatore che sappiamo essere venuto sia pure mai alle nostre latitudini.
E quindi, ecco spiegato l' Adda turnà baffone! che ogni tanto qualcuno invoca come panacea di tutti i mali.
Ora, sia chiaro, quando si parla di baffone ai nostri giorni, il riferimento non è più a Stalin.
In un'epoca come la nostra in cui l'unica memoria condivisa è quella necessaria a farci ricordare se davvero quel prodotto è scontato rispetto all'altro venduto al supermercato a fianco, sarebbe impossibile vincolare la memoria a una personalità storica.
Depurato, quindi, il baffone da ogni negatività propria del personaggio di riferimento, l'invocazione la faccio mia. Beninteso, però, non nell'accezione del ritorno (che un baffone, come l'intendo io, non c'è mai stato), ma proprio dell' Addà venì baffone!
Auspico l'avvento di un dittatore che, seguendo i dettami platonici, appena nato venga, alla chetichella, strappato ai genitori e cresciuto da una collettività illuminata. Che, quindi, non abbia, una volta al potere, retroterra sociale da far valere, parenti da sistemare, eredità da ossequiare.
Un personaggio che sia la giusta mistura tra il Leviatano di Hobbes e il Principe di Machiavelli; e ancora tra il Superuomo di Nietzsche e il Grande Fratello di Orwell.
Che abbia i baffi poi, è relativo. A me interesserebbe solamente che potesse governare l'Italia senza pensare all'ennesima, imminente scadenza elettorale.
Solo così potrebbe fare quelle riforme (ad esempio, spendersi per puntellare il disastrato terreno italico - vedi alla voce terremoto di Ischia) che comportano necessariamente l'assunzione di provvedimenti impopolari.
Ecco, ho utilizzato la parola riforma e il mio disegno dittatoriale va a carte quarantotto.
Ovviamente, questa del baffone (meglio essere chiaro con chi mi conosce come un convinto democratico) è una provocazione di fine estate. Lungi da me la pretesa di invocare qualsivoglia despota.
Nel frattempo, però, mi sono fatto crescere i baffi. Baffi ho detto, non baffoni.
Malpensanti!