venerdì 30 maggio 2014

Breve ballata del capitalismo.

Piero e Giorgia, sposati poco più che maggiorenni, vanno a vivere in una casupola al limite della abitabilità.
Piero si arrangia raccattando ferro vecchio e vendendolo alle varie fonderie.
Giorgia, scappata da un padre padrone, si dà anima e corpo a quel figlio nato troppo presto per lasciarla veramente libera di scegliere.
Entrambi sognano un bagno finalmente all'interno della casa.
Novembre 1980: la terra trema. Bestemmia rovine, fagocita vite.
Piero e Giorgia ottengono un container dove passeranno otto anni della loro vita.
Il bagno, sia pur piccolo, è all'interno delle pareti di lamiera.
Piero e Giorgia sognano una casa dalle pareti in muratura.
Nell'attesa, mettono al mondo un secondo figlio.
Giugno 1988: finalmente, la casa popolare. Due bagni e un balconcino lilla.
Piero viene assunto da un lontano parente che ha una grande impresa edile.
Piero e Giorgia sognano almeno una casa, un'altra, dove poter sistemare uno dei due figli.
L'unico figlio del datore di lavoro di Piero, muore in un incidente stradale. L'imprenditore decide, allora, di far entrare nella società, al posto dello sfortunato rampollo, proprio Piero.
Il primo figlio di Giorgia e Piero sogna il master in Inghilterra. Arriva la terza casa, per il secondo figlio.
Il secondo figlio sogna il pianoforte. Arriva il terreno, pronto a raccogliere le sicure passioni "senili" di Piero e Giorgia, ma anche quelle ancora acerbe di Roberto e Massimo.
Piero e Giorgia sognano un futuro di case, figli, nipoti, tutti disseminati lungo lo stesso fazzoletto di terreno.
Roberto vince un concorso a mille chilometri di distanza e, dopo una delusione d'amore, decide di prendere i voti.
Massimo si innamora di Ugo e scappa lontano per vivere liberamente la sua passione. 
Piero e Giorgia, circondati da tre case, un terreno, non sognano più niente
Roberto, dalla cella del monastero, sogna il master e Londra. Massimo, invece, di essere portato via dalla cassa armonica del pianoforte che non ha più voglia e pazienza di imparare a suonare.

martedì 6 maggio 2014

Nel pieno della "Confederazione delle anime".

Udienza di lavoro.
Eccolo qui: avvocato Giampaolo Quaglia.
Mi si avvicina con il suo ghigno stomachevole che ancora si ostina a credere piacione.
La mano nei capelli (eh, fammele vedere 'ste dita, sì, aprile bene, così che tutti i colleghi possano apprezzare la nuance "topo da fogna" che assumono dopo aver sguazzato nella tintura), l'occhio a "lacryma Christi", la bocca "a culo di gaddrina" (Cazzo, si chiama pur sempre quaglia!) come il Pippo Aragonese di Camilleri.
Fa cenno alla presenza del mio collega, e sfrocolea:<Ah, egregio Avvocato, vedo che, memore del nostro precedente incontro, ti sei portato i rinforzi!>
Si gira verso il collaboratore più viscido dell' Uriah Heep di Dickens, e si fa una risata in faccia al mio grugno infastidito.
 
<Allora, avvocato Quaglia, - chiede il giudice in ambasce perché non sa decidersi se è meglio optare per i gamberi o per il pollo paesano di comare Adelina - cosa eccepisce, lei?>
<Giudice, io penso che prima di redigere un ricorso, occorrerebbe partire dai fondamentali. Per esempio, in questo caso, i conteggi sono sballati. Senza contare il fatto che non si capisce l'inquadramento lavorativo del ricorrente. Insomma, occorrerebbe precisare, essere più chiari perché...>
<Giudice, - riesco a sfruttare la momentanea soddisfazione nata dall'aver, frattanto, definitivamente preferito i gamberi al pollo - solo una domanda: - e mi rivolgo, con gli occhi di brace, alla quaglia spaparanzata sulla mia graticola immaginifica - lei è un consulente del lavoro? No? E allora come fa a pontificare sui conteggi?>
<Ma collega, io non capisco il senso della tua domanda anche...>
<Prego, io le ho dato del lei e preferirei che lei facesse altrettanto. Tornando al motivo della mia domanda, lei potrebbe dire che i conteggi sono, a suo discutibilissimo giudizio (anche estetico, guarda la zoccola che ti sei messo in testa!), inesatti ma non sballati.>
<Ahe, Avvocato, su, - ritorno al presente del giudice - mi sembra una questione di lana caprina.>
<E no, illustre giudicante. L'italiano è importante, direbbe Nanni Moretti. Così come, d'altronde, il latino.>
Il Quaglia accentua l'ampiezza della sua boccuccia:<E che c'entra il latino, mo?>
<Penso che c'entri eccome se mi trovo costretto - alzo la coppa del mondo come Cannavaro (Campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo!!!) - a far vedere al giudice - gli porgo l'atto - che, contrariamente a quanto da lei fatto, il brocardo richiamato si scriverebbe ne bis in idem e non né bis in idem.>
 
Usciamo dall'aula.
<Sei stato grande! - si complimenta Giancarmine - Cazzo, però, e dove l'hai tenuta nascosta, per tutti questi anni, 'sta cazzimma?>
<Il fatto è che sto in piena "Confederazione delle anime".>
<Confe...che?>
<In Sostiene Pereira, l'ottimo Tabucchi parla, per l'appunto, di questa teoria mutuata dai medicins-philosophes. Secondo i suoi dettami, la personalità è data dalla confederazione delle varie anime che si pone sotto il controllo di un io egemone...sì, un ego  mammasantissima, per capirci. Nel caso in cui sorga un altro io, più forte e più potente, quest'ultimo fa le scarpe all'io egemone precedente, prendendone il posto e passando, quindi, a dirigere la coorte delle anime. Almeno fino a quando non viene spodestato ancora da un altro io, per attacco diretto o per erosione. In buona sostanza, contrariamente a quanto abbiamo appreso al catechismo, non esiste una sola anima ma più anime che volta per volta prendono il sopravvento e decidono la nostra presonalità.>
<E quindi vuoi dirmi che l'anima paciosa-accomodante del mio amico di una vita si è fatta mettere nel sacco da questa insofferente e battagliera?>
<Già.>
<Si tratta solo di capire - aggiunge dubbioso - se la leadership è stata conquistata per attacco diretto o per erosione.>
<Per attacco diretto, - affermo senza titubanza alcuna dopo aver intravisto per l'ennesima volta il ciuffo tinto del Quaglia - per attacco diretto, amico caro.>
 
 
 
 


sabato 3 maggio 2014

"Passato (è) il dì di festa": Costituzione "fondata sul lavoro".

Quando mi ripromisi di consolidare i miei primi (e unici) trenta e lode di Filosofia e Teoria generale con un esame di spessore (leggi manuale di oltre 1000 pagg....che poi, come possa definirsi "manuale" un mattone di tal possanza, ancora non l'ho capito!), decisi di provarmi con il "Diritto Costituzionale" di Martines. Per la precisione, di Temistocle Martines. E la precisazione non è di poco perché il nome dell'autore che rimanda al politico ateniese insieme all'aver scelto, per l'esordio universitario, due esami alquanto lontani dallo spirito codicistico, avrebbero potuto...dovuto (cazzo!) farmi almeno venire qualche dubbio sulla bontà della scelta universitaria fatta. 
Ma tant'è: per evitare lo spettro del professore squattrinato e per la mancata lettura ("costosa" ignoranza!)  di Agatha Christie (un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, tre indizi fanno una prova), mi ritrovai ad affrontare il battesimo del fuoco (del diritto) con lo studio della Costituzione.
Primo articolo. L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro.
"Ma come, - mi chiesi perplesso - la Costituzione Italiana, probabilmente la più bella del mondo, si apre con il riferimento al lavoro? E la Libertà, l'Uguaglianza, la Giustizia? Possibile che l'aspetto economico prevalga sugli ideali?"
 
Oh! Bimbo semplice che fui, dal cuore in mano e dalla fronte alta!
Cambio scena.
Sullo sfondo, una scrivania.
Dietro di essa, sprofondato nella sedia d'ordinanza, un professionista. 
Davanti, tre clienti in rapida successione.
Un rapporto di trasmissione e acquisizione di conoscenza (dietro pagamento) ben chiaro e definito.
Il cliente A è un cafone arricchito che ha appena parcheggiato sullo scivolo per disabili, ha gettato per terra una bottiglietta di plastica, incensa con lodi sperticate i Casalesi.
Vorresti scaraventarlo mille miglia lontano da te. Non sei, però, libero di farlo perché hai bisogno dei suoi soldi.
Il cliente B, vestito firmato da capo a piedi, ti dice che non può pagarti l'intero importo della parcella; lo stesso intero importo, per intenderci, che hai preteso dal cassintegrato che abita vicino casa tua.
Differenza: stavolta, sia pure con rabbia, accetti il pagamento inferiore al tuo onorario perché quei soldi  ti servono per le medicine di tua moglie.
Il cliente C... ma, a ben vedere, non c'è manco bisogno di un terzo cliente per simboleggiare l'infrazione alla Giustizia.
Ormai lo so.
I Padri costituenti c'avevano visto giusto: solo la dignità da lavoro ti consente di declinare i grandi principi nella maniera giusta. Senza, forse, si potrebbeMa la quaestio sarebbe ad esclusivo appannaggio dei santi e degli eroi.
Probabilmente, solo degli eroi.
Buon lavoro a tutti.