martedì 6 maggio 2014

Nel pieno della "Confederazione delle anime".

Udienza di lavoro.
Eccolo qui: avvocato Giampaolo Quaglia.
Mi si avvicina con il suo ghigno stomachevole che ancora si ostina a credere piacione.
La mano nei capelli (eh, fammele vedere 'ste dita, sì, aprile bene, così che tutti i colleghi possano apprezzare la nuance "topo da fogna" che assumono dopo aver sguazzato nella tintura), l'occhio a "lacryma Christi", la bocca "a culo di gaddrina" (Cazzo, si chiama pur sempre quaglia!) come il Pippo Aragonese di Camilleri.
Fa cenno alla presenza del mio collega, e sfrocolea:<Ah, egregio Avvocato, vedo che, memore del nostro precedente incontro, ti sei portato i rinforzi!>
Si gira verso il collaboratore più viscido dell' Uriah Heep di Dickens, e si fa una risata in faccia al mio grugno infastidito.
 
<Allora, avvocato Quaglia, - chiede il giudice in ambasce perché non sa decidersi se è meglio optare per i gamberi o per il pollo paesano di comare Adelina - cosa eccepisce, lei?>
<Giudice, io penso che prima di redigere un ricorso, occorrerebbe partire dai fondamentali. Per esempio, in questo caso, i conteggi sono sballati. Senza contare il fatto che non si capisce l'inquadramento lavorativo del ricorrente. Insomma, occorrerebbe precisare, essere più chiari perché...>
<Giudice, - riesco a sfruttare la momentanea soddisfazione nata dall'aver, frattanto, definitivamente preferito i gamberi al pollo - solo una domanda: - e mi rivolgo, con gli occhi di brace, alla quaglia spaparanzata sulla mia graticola immaginifica - lei è un consulente del lavoro? No? E allora come fa a pontificare sui conteggi?>
<Ma collega, io non capisco il senso della tua domanda anche...>
<Prego, io le ho dato del lei e preferirei che lei facesse altrettanto. Tornando al motivo della mia domanda, lei potrebbe dire che i conteggi sono, a suo discutibilissimo giudizio (anche estetico, guarda la zoccola che ti sei messo in testa!), inesatti ma non sballati.>
<Ahe, Avvocato, su, - ritorno al presente del giudice - mi sembra una questione di lana caprina.>
<E no, illustre giudicante. L'italiano è importante, direbbe Nanni Moretti. Così come, d'altronde, il latino.>
Il Quaglia accentua l'ampiezza della sua boccuccia:<E che c'entra il latino, mo?>
<Penso che c'entri eccome se mi trovo costretto - alzo la coppa del mondo come Cannavaro (Campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo!!!) - a far vedere al giudice - gli porgo l'atto - che, contrariamente a quanto da lei fatto, il brocardo richiamato si scriverebbe ne bis in idem e non né bis in idem.>
 
Usciamo dall'aula.
<Sei stato grande! - si complimenta Giancarmine - Cazzo, però, e dove l'hai tenuta nascosta, per tutti questi anni, 'sta cazzimma?>
<Il fatto è che sto in piena "Confederazione delle anime".>
<Confe...che?>
<In Sostiene Pereira, l'ottimo Tabucchi parla, per l'appunto, di questa teoria mutuata dai medicins-philosophes. Secondo i suoi dettami, la personalità è data dalla confederazione delle varie anime che si pone sotto il controllo di un io egemone...sì, un ego  mammasantissima, per capirci. Nel caso in cui sorga un altro io, più forte e più potente, quest'ultimo fa le scarpe all'io egemone precedente, prendendone il posto e passando, quindi, a dirigere la coorte delle anime. Almeno fino a quando non viene spodestato ancora da un altro io, per attacco diretto o per erosione. In buona sostanza, contrariamente a quanto abbiamo appreso al catechismo, non esiste una sola anima ma più anime che volta per volta prendono il sopravvento e decidono la nostra presonalità.>
<E quindi vuoi dirmi che l'anima paciosa-accomodante del mio amico di una vita si è fatta mettere nel sacco da questa insofferente e battagliera?>
<Già.>
<Si tratta solo di capire - aggiunge dubbioso - se la leadership è stata conquistata per attacco diretto o per erosione.>
<Per attacco diretto, - affermo senza titubanza alcuna dopo aver intravisto per l'ennesima volta il ciuffo tinto del Quaglia - per attacco diretto, amico caro.>