giovedì 25 maggio 2017

Il decreto Minniti-Orlando e la vacca di Pasifae.

Da avvocato, mi sono imbattuto nelle nuove norme del decreto Minniti-Orlando, approvato in Parlamento lo scorso 12 aprile con il voto di fiducia.

"Ecco materializzarsi - mi sono detto quasi subito - la vacca lignea di Pasifae!"
E sì perché come Pasifae, moglie di Minosse, re di Creta, per congiungersi carnalmente col toro del quale si era follemente innamorata, si nascose dentro una giovenca di legno, così il Governo si trincera nell'involucro del decreto Minniti-Orlando con le sue storture e pastoie burocratiche, pronto a farsi montare dal razzismo imperante.
Fuor di mitologia, veniamo alla mia esperienza: giurisdizionalizzazione del procedimento amministrativo davanti alle commissioni.
In altri termini e con parole più semplici, dinanzi alle commissioni che decidono sulle domande di asilo, l'immigrato è solo, senza avvocato e alla mercé di una struttura (le commissioni sono venti in tutta Italia) composta da quattro membri: un funzionario di prefettura, un funzionario di polizia, un delegato degli enti locali e un delegato dell'Unhcr.
Il giudice terzo e imparziale? Una chimera.
Si violano così, spudoratamente, l'art. 111 Cost. (c.d. "giusto processo"), l'art. 24 Cost. (diritto di difesa), l'art. 6 della Convenzione europea sui diritti umani (diritto al contraddittorio).
Nel 2016 le commissioni hanno respinto il 60% dei migranti arrivati in Italia, sulla scorta di domande da telequiz, errori di copia-incolla e fraintendimenti vari.
Non appena, però, è intervenuta la magistratura (c'è un giudice a Berlino!), in tre casi su quattro, sono state ribaltate le decisioni delle commissioni. (giudici comunisti!)
La Convenzione di Ginevra, infatti, stabilisce che le domande dovrebbero essere mirate ad accertare  il fondato timore di subire una persecuzione in patria del migrante. Invece, col decreto Minniti-Orlando, le domande delle commissioni si basano sulla credibilità del soggetto intervistato e, sempre di più, sui positivi segnali d'integrazione dell'immigrato (criterio, quest'ultimo, meramente opinabile e soggettivo).
Senza contare le sviste e gli errori "ignoranti": ci sono commissioni che hanno considerato sicuri la Libia in fiamme del post-Gheddafi, le zone curde militarizzate dai turchi, la Costa d'Avorio in guerra civile.
Le sedute delle commissioni sono videoregistrate, i verbali informatizzati: tutto per evitare il secondo grado di giudizio nel caso di ricorso davanti al giudice. E sì perché nel decreto Minniti-Orlando non è previsto appello contro la sentenza di primo grado, con il risultato aberrante che "su una causa di sfratto puoi proporre appello, sull'esercizio di un diritto fondamentale, no."
E se ci fosse un diniego alla richiesta di asilo dell'immigrato in commissione? Benvenuti all'inferno: l'immigrato ha solo 30 gg. di tempo per trovare un avvocato, per preparare e per depositare il ricorso.
Qualora ci riuscisse, poi, eccolo finito nelle grinfie dell'art. 737 c.p.c., quello, per intenderci, che disciplina le cause senza contenzioso: niente udienza, niente dibattimento, niente comparizione delle parti.
Il giudice può non incontrare mai né il richiedente asilo né il suo avvocato.
E come giudica, quindi, sulle richieste di asilo? O bella, sulla base dei filmini di cui sopra registrati dalla commissione, no?
Benvenuti in Italia, fratelli!
A farne le spese sono sempre loro, il popolo degli immigrati. Ma ne riceviamo un danno anche noialtri, italiani a 24 carati. Perché i diritti sono o di tutti o di nessuno (M. Ainis)

mercoledì 17 maggio 2017

Lontano dalla civiltà, vicino a Mazinga Zeta.


Lontano lontano/molto lontano/oltre l'acqua corrente/e l'elettricità...


Ho fatto il colpo gobbo, classico e addirittura banale nelle modalità, ma sconvolgente quanto alle conseguenze.

"Piero, dammi un gratta e vinci qualsiasi, di quelli da cinque euro, tanto uno vale l'altro."

Eccola la mano unta del tabaccaio che avresti detto più a suo agio tra i pistoni e le valvole di una 1100 che a rovistare, svogliata, tra i cartoncini colorati.

Con un sorriso che già si atteggia a consolazione per un'altra sconfitta, mi fa scivolare un gratta e vinci sulla cinque euro di resto abbandonata sul bancone.

Mi guardo intorno quasi con circospezione. Il far inghiottire il tagliando dalle pagine dell'agenda e il precipitarmi fuori dal tabacchino, è tutt'uno.

Lontano da occhi indiscreti, per quella colpa contadina che ti fa maledire ogni euro speso a coltivare illusioni, mi siedo su una panchina, di spalle alla strada.

Cinquanta centesimi. Gratto, come sempre, prima due miei numeri, e poi ne cerco conferma tra i numeri vincenti. E ancora altri due, e l'ennesima discrepanza mi fa riprendere a grattare.

La cinquanta centesimi, ormai, scarrozza disillusa su macerie argento-sconfitta.

Un numero. Quattro. Due numeri. Entrambi quattro.

Al di sotto del quattro, una strusciata decisa come l'azzardo o lenta come un'agonia?

Basta. Imprimo forza alla circonferenza della moneta, e gratto via deciso.

Cinquecentomila euro. La somma giusta per giustificare un mancamento.

Ok, mi riprendo, tenendo sempre stretto in mano, quasi una seconda pelle, il gratta e vinci del riscatto.

Cinquecentomila euro. La somma giusta per mandare a fanculo le pratiche stitiche, i colleghi spocchiosi, i clienti ingrati: gli ingranaggi della mia snervante "produzione".

Lontano. E' una vita che ci voglio andare. Sì, proprio lì, lontano.

Lontano/Lontano/oltre Milano/oltre i gasometri/oltre i manometri/oltre i chilometri/e i binari del tram...

Sono sul "mare" più esteso del pianeta. Navigo sull'Oceano Pacifico, a bordo dell'Esmeralda, lungo la rotta di Vasco Nùnez de Balboa. Soprattutto, sono lontano da tutto quello che ha a che fare con la civiltà, con le convenzioni sociali, con l'eterna efficienza.

Siamo io, mia moglie e i miei due figli, nudi e in contatto diretto con lo spirito del mondo.

Niente costumi, niente scarpe, niente diaframmi tra noi e la natura (a parte la "coperta" preziosa dell'Esmeralda).

Sulle acque, a mo' di vessillo del consumismo, spunta il Mazinga Zeta dell'infanzia che fu.

Sotto di esso, un continente immenso di lampi e bagliori plastici bianchi, rossi e blu.

Tutto intorno, per chilometri e chilometri, il continente di plastica.

La luna la luna/degli ululati/lascia ai poeti/la classicità/ Là voglio arrendermi/in braccio a una musica/che chiude il discorso/dell'urbanità...

sabato 13 maggio 2017

Le dita del Comandante, di Vincenzo Benvenuto




Adriano, giornalista di un piccolo quotidiano, è continuamente assillato dal suicidio del padre, il professor Norberto Pecci. Dalla Spagna, il collega "abusivo" Gustavo gli racconta di un'altra morte, apparentemente lontana mille miglia dal suo mondo sia per la vittima sia per le modalità dell'uccisione (il cuore sventrato da un machete, le mani amputate, il mignolo troncato di netto e inghiottito dall'oscurità). Adriano sente inspiegabilmente che quella fine può illuminare l'inizio della sua comprensione. Con l'avallo del "fumoso" direttore del giornale in cui lavora, si fa voce, suo malgrado, di un lungo rosario di morte che si sgrana sotto la sua penna. Nelle more della cantilena infernale, ecco Celeste con il suo carico di entusiasmante vitalità e con una gruccia su cui appendere la comprensione di quei delitti: un quadro raffigurante un uccello stilizzato, ad ali spiegate, le cui estremità sono dita conficcate nelle varie nazioni del planisfero. Sarà una scoperta dolorosa che potrà gettare lumi anche sulla morte del padre di Adriano. A patto, però, di trovare il coraggio di "andare a vedere". A reggere le fila, del bene come del male, ci saranno... le dita del Comandante. (Google Libri).

Un prologo, cinquantuno capitoli e l’epilogo.
Diciamo subito una cosa, tanto per iniziare: Le dita del Comandante, anche come prodotto editoriale, è davvero di buona fattura. Ci capita, come redazione giornalistica, di ricevere un certo numero di libri da recensire. Ebbene, nella maggior parte dei casi, si tratta di libercoli graficamente sciatti (non ce ne vogliano i malcapitati autori), più frutto di stampatori che di editori veri e propri.
Il thriller di Vincenzo Benvenuto della Echos edizioni (dinamico editore torinese), invece, ha una grafica, un’impaginazione che non hanno nulla da invidiare alle case editrici più rinomate.
Quindi, pregevole contenitore, senza dubbio.
Veniamo al contenuto. L’autore de Le dita del Comandante ci ha pregato di essere obiettivi e severi (oltre, ovviamente, a non fare spoiler). Essendo infatti, Vincenzo Benvenuto, una penna di Zon, non voleva favoritismi di sorta. E noi, proprio per l’amicizia che ci lega allo scrittore, manteniamo la promessa.
Bello. Sì, davvero un gran libro, questo Le dita del Comandante.
thriller per loro natura devono essere accattivanti, creare suspence ma spesso, per raggiungere questi obiettivi, sacrificano un po’ l’attenzione al testo. Ebbene, nel libro di Vincenzo Benvenuto, non c’è nulla di tutto questo (e conoscendo la sua maniacale devozione per la lingua italiana, non ce ne stupiamo).
Delitti, colpi di scena, mistero ma anche, ad esempio, la poesia del Gelsomino notturno del Pascoli che viene in mente a Michele, amico e collega di Adriano (il protagonista), quando vede la luce nella stanza che si spegne insieme alla sua possibilità di strappare la donna all’amico che la farà sua.
La trama, quindi.
Le dita del Comandante, prende le mosse da una data che ricorda ad Adriano un evento che si è impegnato per tutta la vita a dimenticare: il suicidio del padre, il professor Norberto Pecci, di una cultura e di un’umanità fuori dal comune. Ma si è trattato di vero suicidio?
Le vicende del libro, ben presto, sveleranno che questa data, attraverso un viaggio, rispettivamente per la Spagna, il Marocco, il Senegal, la Costa d’Avorio e l’Angola (prime cinque dita); e poi lungo il Madagascar, la Somalia, l’Iran, la Turchia e infine, Italia (ultime cinque dita, della mano sinistra, stavolta) rievocherà un personaggio storico, il Comandante per l’appunto (Vincenzo ci ha minacciato di pene corporali qualora svelassimo il suo nome), e la sua “maledizione“.
E sì perché il titolo del libro, oltre a far riferimento all’affascinante figura del Comandante, si richiama a quell’aquila che campeggia sulla sua copertina e a quella ancora più suggestiva, all’interno del libro (cfr. foto), disegnata dal valente Andrea Tabacco. Quest’ultima, nello specifico, vuole rappresentare il quadro di Celeste, che tanta importanza avrà per scoprire il serial killer e, soprattutto, per prevedere la geografia delle vittime.
L’omicida usa sempre lo stesso canovaccio: tutte le prede uccise da un fendente di machete al cuore; ad ogni morto, le mani amputate e, per ogni persona uccisa, un dito, dall’indice al pollice della mano destra e poi della sinistra, troncato di netto e inghiottito dall’oscurità.
Toccherà ad Adriano, con l’aiuto determinante di Gustavo, Celeste e Michele, oltreché del mastodontico Brancaleone, dare un senso a questa macabra ritualità.
Ne Le dita del Comandante, però, Vincenzo non dimentica la nostra Salerno. C’è un riferimento, a tal proposito, all’indimenticato Simone Vitale
“un giovane pallanuotista che, ironia della sorte, era morto nell’elemento opposto all’acqua in cui tanto amava trascorrere il tempo; nel fuoco cioè, per aver cercato fino allo stremo delle forze di salvare alcuni passeggeri da quel maledetto incendio che si era propagato troppo velocemente all’intero convoglio.”
Ma la Salerno dell’autore è presente anche nei fuochi di San Matteo e in alcuni costrutti lessicali.
Insomma, una storia, quella di Adriano e i suoi giornalisti, che si viene ad incontrare e a scontrare con la Storia del Comandante. In mezzo a tutto questo, le nove vite e mezzo (c’è spazio, in tutto ciò, anche al richiamo, appena accennato, della vicenda di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin) che saranno annientare dal serial killer.
Gran bel libro, Le dita del Comandante di Vincenzo Benvenuto. E lo diciamo proprio con quella onestà intellettuale impostaci  dallo scrittore.
Appuntamento alla prossima presentazione del libro, allora. (Zerottonove.it)


Si è tenuta mercoledì 19 presso il Salone dei Genovesi della Camera di Commercio di Salerno, la presentazione del libro Le dita del comandante di Vincenzo Benvenuto

È stato presentato ieri mercoledì 19 a partire dalle 17.00, presso il Salone dei Genovesi della Camera di Commercio di Salerno, il nuovo libro di Vincenzo Benvenuto Le dita del comandante. Nel corso dell’incontro sono intervenuti il Presidente Confcommercio l’Avv. Giovanni Marone, il  consigliere comunale Avv. Antonio D’AlessioMarco Galdi docente di Diritto pubblico dell’Università degli Studi di Salerno e la dott.ssa Valeria De Pascale Teatro Stabile “La Locandina”. Ha moderato la dott.ssa Germana Giardullo Zerottonove.it. Le conclusioni sono state affidate all’autore Vincenzo Benvenuto.
Delitti, colpi di scena, mistero ma anche poesia: questi alcuni degli elementi di cui si serve l’autore per tessere la trama di un avvincente thriller.
Sinossi
Adriano, giornalista di un piccolo quotidiano, è continuamente assillato dal suicidio del padre, il professor Norberto Pecci. Dalla Spagna, il collega “abusivo” Gustavo gli racconta di un’altra morte, apparentemente lontana mille miglia dal suo mondo sia per la vittima sia per le modalità dell’uccisione (il cuore sventrato da un machete, le mani amputate, il mignolo troncato di netto e inghiottito dall’oscurità). Adriano sente inspiegabilmente che quella fine può illuminare l’inizio della sua comprensione. Con l’avallo del “fumoso” direttore del giornale in cui lavora, si fa voce, suo malgrado, di un lungo rosario di morte che si sgrana sotto la sua penna.
Nelle more della cantilena infernale, ecco Celeste con il suo carico di entusiasmante vitalità e con una gruccia su cui appendere la comprensione di quei delitti: un quadro raffigurante un uccello stilizzato, ad ali spiegate, le cui estremità sono dita conficcate nelle varie nazioni del planisfero. Sarà una scoperta dolorosa che potrà gettare lumi anche sulla morte del padre di Adriano. A patto, però, di trovare il coraggio di “andare a vedere”. A reggere le fila, del bene come del male, ci saranno… le dita del Comandante.

L’autore

Vincenzo Benvenuto è nato a Salerno, dove tutt’ora risiede, nel 1977. Laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Salerno, esercita la professione di avvocato, con studio legale a Salerno. Curatore del blog  deambulandosolvitur.blogspot.it, dal 2014 collabora con la testata giornalistica ZON. Nel 2010 ha pubblicato un romanzo di narrativa, Tra le pieghe di un sorriso Davide Zedda – La Riflessione editore. (Zerottonove.it)