lunedì 15 settembre 2014

A Salerno, sostiene una fontana.


Questa è la testimonianza di…una fontana! Sì, proprio così, di una fontana. C’è qualche problema? No perché pontificano i ciucci, declamano i volponi, parlano i muri, e quindi non vedo il motivo per cui una fontana, perlopiù di un certo lignaggio vista la sua stretta parentela con il Grand Hotel Salerno, non sarebbe legittimata a parlare.

Basta. Parlano pure le fontane, lo decido io. Lo stesso io che, da cronista democratico (quel che fingo d’essere e non sono), l’ascolta. E raccogliendo la sua esperienza, ve la trasmetto.

La fontana in questione è, dicevo, quella allocata nei pressi del Grand Hotel Salerno, nel piazzale Salerno Capitale.

Orbene, dovendo intervistare una fontana, mi sono abbigliato di conseguenza. Per la precisione, stivali fino al ginocchio e impermeabile a sette strati con cappuccio.

Grande è la mia sorpresa allorché, così “concertato”, ho assistito alla materializzazione di un controsenso: una fontana che non scorre.

<Eh,  per l’appunto. – si lamenta l’intervistata con l’ultimo rantolo di voce che le resta prima di tramutarsi in stagno d’infima specie (acque melmose costellate da barattoli di coca cola, cartoni di pizza, confezioni di preservativi ritardanti , etc., etc..) – E pensare che quando mi hanno comunicato che sarei stata costruita a Salerno, sono zampillata fino all’iperuranio per la felicità.>

<E perché mai, di grazia?>

<Perché? Beh, semplicemente perché è opinione comune che Salerno è la Città Turistica. Ma vi è di più. Fedele al mio scetticismo inveterato, all’epoca, presi pure le dovute informazioni da altri attori del risorgimento architettonico della città. Nella fattispecie concreta, dal Parco Mercatello e dalla Villa Comunale. Ebbene, non ci crederà, ma mi diedero, al proposito, delle rassicurazioni a prova di bomba. A sentir loro Salerno è la manna dal cielo per parchi, ville, rotonde e, soprattutto (sigh!), per le fontane pubbliche. “Pensa che addirittura – ebbe a confidarmi il Parco Mercatello (e ben gli sta che gli hanno prosciugato il corso d’acqua interno, a quell’infame!) – il nostro massimo esponente cittadino lo chiamano ‘A Funtana!”

<Beh, - provo a capire – almeno all’inizio andava tutto bene, no?>

<Benissimo, direi. Sentivo fin nelle particelle d’ossigeno di essere una fontana monumentale, a cascata, disegnata nientepopodimeno che da Bohigas! E quindi, per il periodo immediatamente successivo all’inaugurazione del 2007, piena soddisfazione mia e dei tanto decantati turisti. Fino ad arrivare allo stato in cui sono ridotta adesso. – e qui non può fare a meno di guardarsi abbrutita dal proprio abbandono - Ma io, ormai giunta alla fine dei miei rivoli, mi sono sentita in dovere di fare qualcosa per il prossimo affinché non si ripeta quello che è successo a me. Ho avvertito, infatti, un’opera pubblica che dovrà essere costruita per l’imminente festa di San Matteo…a proposito, - mi guarda tristemente allusiva - sa che anch’io sono stata inaugurata per quell’evento?>

Un brivido di freddo mi corre lungo la schiena. Mi sforzo di non “cogliere”. E, per fortuna, non mi devo impegnare troppo perché lei, da vera signora, non infierisce: <Le dicevo che ho provato a mettere in guardia una struttura in procinto di essere inaugurata, e sa cosa si è permessa di dirmi?>

<Cosa?>

<Non ha trovato di meglio che spiattellarmi sul grugno che sono un’invidiosa e che dico solo bugie. “Non l’hai letta – mi fa con la sua vocina stridula – il sondaggio di Artribune, rivista culturale tra le più importanti d’Italia, in cui Salerno risulta essere la city europea più vivace nel campo dell’architettura?>

<E lei?>

<E che potevo ribatterle? Avrei voluto consigliarle di chiedere informazione, chessoio, alla Fontana di Falcone e Borsellino, alle spiagge imbrattate di rifiuti di Torrione. Ma, probabilmente, sarebbe stato tutto inutile. Il fatto è che…, - e tra la fatica delle sue parole si acquatta l’Eguagliatrice che numera le fosse che reclama la quota d’acqua per rimpolpare l’Acheronte – finché non si capirà che è inutile, se non per la propaganda, inaugurare cinque nuove opere (meglio, parti di opere pronte ad essere interessate da una nuova inaugurazione, e da un’altra ancora) quando non si manutengano dieci di quelle vecchie, ebbene, fino a questo momento, dicevo, Salerno non diventerà mai definitivamente una città turistica. Il saldo, infatti, sarà sempre negativo di cinque unità perché un’opera lasciata all’incuria vale almeno, se non addirittura di meno per il senso di sciatteria civica che s’insinua nel turista, quanto un’opera non realizzata. E poi…>.

A questo punto, da un’auto in corsa, viene lanciato un pacchetto di sigarette che viene a cadere, ironia della sorte, proprio sull’ultimo sbuffo d’acqua, affogandolo del tutto.

Intristito e consapevole di non poter far nulla per rianimare la mia fontana annegata nel sudiciume, me ne vado con la curiosità di quell’ “e poi” che mi rimbomba in testa, suggerendomi suggestivi rimandi; comunque soddisfatto, in fin dei conti, per aver dato voce a quella disgraziata fontana dai natali illustri, nobilissimi e perfetti.
 
 

sabato 6 settembre 2014

Chi ama Napoli?

Il carabiniere al posto di blocco, di qualsiasi regione d'Italia ma anche di Napoli, avverte il freddo del grilletto che gli s'ingigantisce nell'animo.
Lui non ama Napoli perché chi è in servizio a Napoli, con i nervi tesi come lame di rasoio e i sensi pronti a deflagrare al primo barrito di marmitta, si convince che è lì per una colpa da scontare. E non si può amare una città che ti fa sentire colpevole.
Il ragazzo con lo zaino in spalla, asfissiato dalla rassegnazione di persone e strutture, cerca il senso del libro per le vie di fuga dei vicoli bui.
Lui non ama Napoli perché chi studia a Napoli, tra guadagni facili di vie diverse e difficoltà nel declinare la propria dignità, capisce che dovrà cullare i suoi sogni lontano da Napoli. E non si può amare una città che sai già che non avrà scrupoli ad espellerti dal suo seno.
Il disoccupato onesto, che non vuole seppellire la sua intelligenza sotto la coltre di mitra e di morti frantumati in polvere, forza le sue esigenze a pretendere sempre meno.
Lui non ama Napoli perché chi non ha lavoro a Napoli sa che potrebbe trovarlo da qualche altra parte. E non si può amare una città che pretende di tenerti senza lavoro per poi buttarti nel tritacarne dell'espediente.
L'avvocato non calcificato ancora dalla rassegnazione, laureatosi in legge per contribuire ad una società migliore, si scopre a dover chiudere lo studio perché, per quante direzioni possa giustificare la sua coscienza, le rette per giungere al punto devono essere sempre rette, non curve.
Lui non ama Napoli perché chi persegue un briciolo di legge a Napoli, con la conseguenzialità degli articoli e i dogmi dei tribunali, scopre che c'è sempre un amico degli amici al di sopra del diritto. E non si può amare qualcosa che sfugge ad ogni regola.
Il salernitano come me, rincoglionito dalla grandeur di Salerno dei miracoli ad ogni pie' sospinto, costruisce il suo bel muro perché "noi non siamo Napoli" (salvo, poi, inorgoglirsi per la storia, gli artisti, le tradizioni di Napoli).
Lui non ama Napoli perché, a passeggio schifiltoso lungo via Roma o sulla panchina stanca vista Crescent, "io sono di Salerno e a Salerno non abbiamo problemi". E non si può amare una città dalla quale ci si difende.
Chi ama Napoli?
La camorra, il cemento selvaggio, la mala politica, il grasso che deve sempre ungere le stramaledettissime ruote.
Insomma, molti di loro ma anche molta parte di noi.
 
 

venerdì 5 settembre 2014

Pensieri su "Vivere per raccontarla" di G.G.Marquez.

Compri un libro del genere, e ti aspetti la genesi e il disvelamento di un talento letterario puro.
C'è anche questo, beninteso, nel romanzo Vivere per raccontarla, ma solo come tassello di uno stupendo in quanto magico mosaico; ancora più magico perché, questa volta, reale. E vieni a scoprire, così, che è reale proprio perché magico, il sacco di ossa dell'antenata che segue gli spostamenti della famiglia; magico perché reale, il quartiere di filo spinato della zona bananiera che in Cent'anni di solitudine "proclamò con bandi solenni l'inesistenza dei lavoratori"; e ancora magico e allo stesso tempo reale il colonnello Marquez che assumerà il nome di Buendia dal personaggio della copertina di un libro.
Poi la povertà, vissuta come un'opportunità, che sembra cullare il talento di Marquez che solo relativamente tardi riesce a conservare qualche "barca a remi" oltre che per la famiglia, anche per sé; e ancora il viaggio sul fiume Magdalena per recarsi al Liceo che, se tutto filava liscio, durava tre settimane ma che non appena iniziavano le piogge torrenziali, poteva prolungarsi anche mesi, tra alligatori sbadiglianti e avvoltoi con occhi di brace.
Gli amici di una vita, la musica al suono del tiple, i reportages giornalistici, i primi racconti.
Gli amori a rischio della vita, i vestiti improbabili che riconquistano la primigenia funzione di stoffe anonime per coprirsi
Il tutto sullo sfondo di una Colombia universo-mondo troppo complessa per esaurirsi in una guerra seguita da una pace; uno stato nello stato che deve nutrirsi del conflitto perenne per far sbocciare la rosa delle proprie contraddizioni.
E' questo l'universo di Gabito in cui può orientarsi solo l'anima semplice di un genio della letteratura appesa all'amaca di dieci fratelli e all'ombra di una madre espressione della "grandeur" di tutte le donne.
Questo e tantissimo altro ancora, fino a una lettera spedita che avrebbe dovuto essere il lasciapassare di una nuova vita ma a cui c'è stata la risposta della vita, lì e già.
Un difetto? Paragrafi un po' troppo lunghi.
Da leggere.